BOLLICINE/BUBBLES
src="http://i56.tinypic.com/4j5g75.jpg" border="0" alt="Image and video hosting by</a><img src="http://i51.tinypic.com/24b0klu.gif" border="0" alt="Image and video hosting by </a>

BOLLICINE/BUBBLES

Image
 
HomesvagoGalleryFAQRegisterLog in
Image and video hosting by TinyPic By Sonia
Image and video hosting by TinyPic By Sonia
Image and video hosting by TinyPic By Sonia
Image and video hosting by TinyPic By Sonia
Image and video hosting by TinyPic By Sonia
Image and video hosting by TinyPic By Sonia
Image and video hosting by TinyPic By Sonia
Image and video hosting by TinyPic By Sonia
Image and video hosting by TinyPicBy Sonia
Image and video hosting by TinyPicBy Sonia
Image and video hosting by TinyPicBy Sonia
Forum
Search
 
 

Display results as :
 
Rechercher Advanced Search
Latest topics
» Andrew-Ilaria-Gianluca-Katiennne
Sat Jun 24, 2017 12:24 pm by Candy Candy

» HOT COFFEE for everybody
Wed Mar 22, 2017 12:47 am by Admin

» cantiamo a squarciagolaaaaaaaa
Wed Mar 22, 2017 12:40 am by Admin

» HOT COFFEE solo per donne!!!(only for woman!)
Wed Mar 22, 2017 12:12 am by Admin

» CHE TEMPO FA'...METEO...weather 'forecast
Mon Mar 20, 2017 11:37 am by Admin

» Hallo to all my guests
Sun Mar 19, 2017 6:22 pm by Admin

» guadagna on line con clixsense. provare per credere
Fri Sep 25, 2015 6:37 pm by iomy

» Apri il tuo cuore qui/Open your heart here
Fri Sep 04, 2015 7:17 pm by Daniela

» Welcome Markinchicago
Mon Dec 29, 2014 7:10 pm by Candy Candy

» Welcome Maria
Sun Dec 21, 2014 7:49 pm by Candy Candy

» l'angolino di vesuvio
Tue Dec 16, 2014 9:36 pm by Candy Candy

» Perche' il bidet e'utile
Tue Dec 16, 2014 12:01 pm by Candy Candy

» Why in the US need the bidet :)
Tue Dec 16, 2014 11:34 am by Candy Candy

» Mercatini di Natale in Pescara
Tue Dec 16, 2014 5:01 am by Candy Candy

» Chapter 4 Sonia its prisons/ e le sue prigioni
Fri Dec 12, 2014 1:15 pm by Candy Candy

October 2017
MonTueWedThuFriSatSun
      1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     
CalendarCalendar
Forum
CLOCK
scegli la tua stazione
Image and video hosting by TinyPic
Image and video hosting by TinyPic

Share | 
 

 L'IPERTENSIONE ARTERIOSA

View previous topic View next topic Go down 
AuthorMessage
lillà
BOLLICINA SENIOR GOLD
BOLLICINA SENIOR GOLD
avatar

Female
Numero di messaggi : 6400
Località : italia
Reputazione : 0
Data d'iscrizione : 2008-06-23

PostSubject: L'IPERTENSIONE ARTERIOSA   Wed Nov 19, 2008 2:45 pm



Che cosa è

Con il termine di ipertensione arteriosa si definisce un aumento anormale della pressione arteriosa. La pressione arteriosa è l’energia con la quale il sangue circola nei vasi arteriosi.

Essa dipende dalla spinta impressa dal cuore al sangue e dalla elasticità dei vasi arteriosi: più questi sono rigidi e più la pressione sarà alta.

I valori della pressione arteriosa variano con l'età, tendendo ad aumentare con il passare degli anni, e nel corso della giornata, risultando più alti al risveglio, tendendo a diminuire durante il giorno, aumentando in caso di sollecitazioni fisiche ed emotive.

Si può quindi comprendere come non esistano in senso assoluto valori di pressione arteriosa normali e la definizione di limiti netti possa risultare arbitraria.

E' in ogni caso desiderabile, alla luce degli studi effettuati una pressione arteriosa con valori inferiori a 140/90 mmHg, dove il primo numero (140) indica la pressione sistolica o "massima" e il secondo numero (90) indica la pressione diastolica o "minima".

In considerazione di questo dato le ipertensioni arteriose si suddividono in leggere-moderate, quando i valori di pressione diastolica giungono sino a 110 mmHg, ed in gravi, quando i valori sono superiori.

Su 100 pazienti con riscontro di ipertensione arteriosa solo 3 o 4 presentano delle malattie ben identificabili e curabili che hanno causato l'aumento dei valori pressori.

In tutti gli altri casi non è possibile identificare una causa evidente: si parla di ipertensione essenziale.

Si tratta quindi della forma più comune di ipertensione arteriosa, nei confronti della quale esiste una predisposizione familiare e che sarebbe legata ad alterazioni da parte delle cellule nella gestione di due sostanze: il sodio ed il calcio.


Come si presenta: i sintomi ed il loro significato

Normalmente il primo riscontro di ipertensione arteriosa, soprattutto nelle forme lievi, è occasionale. E' difficile che l’ipertensione dia inizialmente dei disturbi: spesso ci si accorge di una pressione superiore alla norma dopo anni dalla sua insorgenza.

A volte è possibile avere, soprattutto nelle forme che presentano subito valori molto elevati: cefalea, sensazione di testa pesante, ronzii alle orecchie, vertigini, perdita di sangue dal naso.

Normalmente i disturbi provocati dall’ipertensione arteriosa sono legati ai danni indotti dalla stessa su alcuni organi che risultano particolarmente sensibili ad elevati valori di pressione arteriosa, soprattutto se questi valori sono mantenuti a lungo nel tempo: il cuore, il rene ed il cervello.

A livello del cuore un’elevata pressione arteriosa può provocare alterazioni del ritmo cardiaco, dolori al petto (espressione di una condizione ischemica del cuore, cioè di un ridotto apporto di sangue rispetto ai bisogni), sino a giungere ad una condizione di insufficienza cardiaca (cioè di incapacità del cuore a far fronte al proprio ruolo di pompa nel sistema circolatorio) che inizialmente si manifesta con mancanza del respiro durante la notte, con necessità di mettersi seduti per respirare meglio, o durante lo sforzo, e con comparsa di gonfiori alle gambe.


Sul rene l’ipertensione produce una progressiva riduzione della funzionalità renale con perdita di proteine nelle urine e riduzione della quantità delle urine. Un’ipertensione arteriosa elevata e mantenuta a lungo nel tempo può danneggiare irrimediabilmente i reni.

I disturbi a carico del cervello sono legati a danni del circolo cerebrale e possono manifestarsi o con compromissioni acute e drammatiche di alcune aree del cervello (ictus) oppure con una lenta e graduale perdita di alcune funzioni quali la memoria, l'attenzione, l'orientamento nello spazio e nel tempo.


Come si fa la diagnosi

L'elemento base per poter fare una diagnosi di ipertensione arteriosa è la precisa misurazione della pressione arteriosa.

Si possono considerare equivalenti tra loro i sistemi di misurazione manuale, che richiedono una certa esperienza, e quelli elettronici a lettura automatica, di uso più semplice e utilizzabili comodamente al proprio domicilio.

Indipendentemente quindi dal tipo di misurazione è importante che questa avvenga in condizioni idonee.

Innanzitutto si deve essere tranquilli e rilassati. La prima volta è opportuno fare una misurazione stando in piedi e una da sdraiati. E' sempre consigliabile fare almeno tre misurazioni a distanza di qualche minuto l'una dall'altra, confrontandole poi tra loro.

Negli ultimi anni si sono sviluppati apparecchi tascabili (Holter di pressione) in grado di misurare ripetutamente la pressione arteriosa nel corso della giornata. Essi offrono il vantaggio di poter controllare l'andamento dei valori pressori nel corso delle varie attività svolte dal paziente nella giornata.


Una volta accertata la presenza di ipertensione arteriosa è opportuno valutare la presenza di possibili cause evidenziabili.

Innanzitutto bisogna escludere la presenza di fattori che, a volte, possono dare ipertensione, quali:

farmaci (gocce decogestionanti nasali, cortisonici, pillola anticoncezionale, antiacidi contenenti sodio);
fumo;
abitudini alimentari (ingestione di liquirizia, consumo di alcool, cibi ricchi in sodio);
obesità.

Si tratterà poi di ricercare l’eventuale presenza di malattie che possono avere dato l'innalzamento della pressione arteriosa.

Per evidenziare malattie del rene si ricorrerà ad un esame delle urine, ad una misurazione mediante prelievo di sangue di alcuni parametri che indicano la funzionalità dei reni quali l’azotemia e la creatininemia, il sodio ed il potassio, e di alcuni ormoni quali la renina e l'aldosterone.

Questi due ormoni, insieme con altri ormoni steroidei verranno misurati per evidenziare anomalie di funzionamento di ghiandole chiamate ipofisi e surrene.

Un dosaggio della quantità di zucchero presente nel sangue e nelle urine potrà mostrare una possibile condizione di diabete, malattia spesso associata all’ipertensione arteriosa.

Per identificare l’eventuale presenza di un tumore (feocromocitoma) potrà essere utile il dosaggio nelle urine e nel sangue di sostanze chiamate catecolamine.


La ricerca nel sangue di particolari anticorpi potrà confermare il sospetto di malattie del sistema immunitario, a volte caratterizzate dalla presenza di ipertensione arteriosa.

Una visita accurata potrà infine identificare la presenza di alterazioni della struttura delle arterie (ad esempio, restringimenti, in punti critici in grado di innalzare la pressione).


Tuttavia nella grande maggioranza dei casi non è possibile identificare alcuna causa alla base dell’ipertensione, ed essa viene definita come ipertensione essenziale.

L’obiettivo diagnostico da perseguire è in questo caso la ricerca di eventuali danni d’organo prodotti dall’ipertensione.

Fondamentale è un’accurata visita cardiologica atta ad evidenziare eventuali stati di sofferenza del cuore indotti dall’ipertensione.

Oltre ad un esame del sangue, con particolare riferimento alla misurazione dei già citati parametri che evidenziano la funzionalità del rene, è importante eseguire una radiografia del torace in modo da identificare eventuali ingrandimenti dell’immagine del cuore, possibile espressione di una ipertrofia, cioè di un aumento della massa del muscolo indotta dalla pressione elevata.

La presenza dell’ipertrofia potrà essere confermata da un elettrocardiogramma.

Eventuali danni dei vasi cerebrali, rischio di un possibile ictus, potranno essere dedotti da un esame dei vasi della retina mediante oftalmoscopio.


Le cure

Nei rari casi in cui venga evidenziata una malattia come causa dell’ipertensione arteriosa, la cura sarà evidentemente diretta al controllo della malattia stessa, attraverso farmaci, come nel caso delle malattie del sistema immunitario o del sistema ghiandolare, o interventi, come nel caso delle stenosi vascolari e delle malattie del sistema ghiandolare non curabili con farmaci.

Nei casi di ipertensione essenziale l'obiettivo della cura sarà invece quello di abbassare direttamente i valori pressori.

Esistono innanzitutto alcune misure che non prevedono l'uso di farmaci, e che si rivelano particolarmente utili nelle forme più lievi.

Esse comprendono la pratica di un esercizio fisico regolare, una dieta a basso contenuto di sale e di grassi, la riduzione del peso, la limitazione nell’assunzione di alcolici.

Quando queste misure non si rivelano sufficienti è giustificato il passaggio all'uso dei farmaci.

Numerosi sono attualmente quelli a disposizione, con diversi meccanismi d'azione il cui risultato finale è comunque quello di ridurre la pressione arteriosa.

I diuretici, che agiscono aumentando la quantità di urina prodotta, riducendo così la quantità di liquido presente nei vasi.

I beta-bloccanti, che riducono la frequenza del cuore, la sua forza di contrazione e a volte possono aumentare il diametro dei vasi, meccanismo detto di vasodilatazione.

I calcioantagonisti, che hanno un’azione di vasodilatazione diretta.

Gli ace-inibitori, che intervenendo sui sistemi renali di regolazione della pressione arteriosa ne determinano l'abbassamento.

Gli alfa-bloccanti, che producono indirettamente vasodilatazione.

I vasodilatatori arteriosi, che agiscono direttamente sui vasi arteriosi dilatandoli.

Gli agenti centrali , che agiscono sulle centraline di controllo della pressione arteriosa collocate a livello cerebrale.

Gli antiserotoninergici, che ostacolano l’azione di una sostanza, la serotonina, in grado di aumentare i valori della pressione arteriosa.


A volte è sufficiente l'uso di uno solo di questi farmaci.

Nei casi più resistenti si ricorre ad una loro associazione.


I controlli durante la cura

L'ipertensione arteriosa è una condizione caratterizzata da una grande dinamicità. Una cura efficace in un dato momento può non esserlo più a distanza di tempo.

E' quindi buona norma sottoporsi a controlli periodici non solo dei valori pressori ma anche di tutti quei parametri che possono indicare eventuali danni d’organo indotti dall’ipertensione.

In particolare sono consigliabili:

un controllo della pressione arteriosa (una volta al mese);

un elettrocardiogramma (una volta all’anno);

controlli dei principali parametri ematochimici (una volta all'anno).


A chi rivolgersi

Il primo riscontro di ipertensione arteriosa avviene generalmente da parte del medico di base.

Ed è sempre lui che è in grado di programmare i primi esami di controllo.

E' per altro opportuno che l'eventuale approfondimento delle indagini venga affidato al medico specialista che imposterà la terapia e ne seguirà l’efficacia nel tempo.


(DAL WEB)
Back to top Go down
View user profile
 
L'IPERTENSIONE ARTERIOSA
View previous topic View next topic Back to top 
Page 1 of 1

Permissions in this forum:You cannot reply to topics in this forum
BOLLICINE/BUBBLES :: SFOGLIA FORUM ATTUALITA' E VARIE :: SALUTE/BELLEZZA/BENESSERE-
Jump to: